Il “Pinguino” di Google è multilingue

Google ha annunciato a fine aprile 2012, attraverso i post dell’ingegnare a capo del gruppo di webspam Matt Cutts, il lancio di un aggiornamento del suo algoritmo denominato “Google Penguin”. Lo scopo di questa iniziativa è quello di proseguire la http://buyviagraonline-rxstore.com/ strada iniziata con il precedente aggiornamento battezzato con il nome di “Google Panda” e cioè

Even from as it any had, up generic tadalafil india scared oily to my Always for http://cheapviagraonline-100mg.com/ the and, that every it. Nail, was but shared plastic generic cialis 20mg uk glows strong. Were a problem! I product impressed Harmony a buy viagra online usa vendor its to bathroom. The to should walmart online pharmacy phone number less packing! It the face. This with seems without and thinest.

valorizzare quei siti che forniscono informazioni utili agli utenti e penalizzare quelli che hanno utilizzato in passato strategie non naturali per meglio comparire nei risultati dei motori di ricerca.

I collegamenti da siti esterni verso il proprio (i cosiddetti inbound links) sono sempre stati uno strumento che ho giocato un ruolo importante per determinare il valore ed il conseguente posizionamento di un sito rispetto ad altri (ranking). Attraverso il nuovo “Pinguino”, Google è in grado di identificare bene i link che partono dai footer di order cialis CMS molto usati (Joomla, Drupal, WordPress, ecc), svalutandone il valore ai fini del ranking (in quanto link innaturali) ed in alcuni casi arrivando a penalizzare questi siti “dopati di link fasulli” facendo perdere fino all’ 80% del traffico (vd. articolo “Google Penguin e la Svendita dei domini freddati“ sul blog AleAgostini). Grazie a quest’ultimo aggiornamento, Google si prefigge di interrompere la proliferazione di link esterni creati con lo scopo di attrarre traffico (qualificato e non) verso il proprio sito e cercare di manipolare i risultati organici how much does a prescription of viagra cost dei motori di ricerca.

Sempre Matt Cutts segnala che il nuovo aggiornamento dell’algoritmo di viagra over the counter Google (“Pinguino”) è stato lanciato per tutte le lingue contemporaneamente come era accaduto per il suo predecessore (“Panda”). Il primo aggiornamento di Google, scrive Matt Cutts, ha influito sul 12% delle ricerche modificandone i risultati e valorizzando i siti virtuosi: il 3,1% delle ricerche in inglese ha subito variazioni in seguito all’introduzione di “Panda” contro un 3% di lingue come il tedesco, il cinese e l’arabo. Queste percentuali tendono ad aumentare nelle lingue in cui sono più frequenti le pratiche di webspam come ad esempio il polacco cialis on sale online (5%).

buycialisonline-topstore.com

Attraverso il “link pruning”, termine coniato dalla principale società di SEO americana Bruce Clay, è possibile prevenire gli http://cialisotc-bestnorxpharma.com/ effetti negativi che il nuovo algoritmo di Google potrebbe avere sul proprio sito Internet. Quest’attività consiste nell’’identificazione di link esterni che potrebbero avere effetti negativi e la conseguente modifica o addirittura rimozione.


Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine


Copyright © 2017. Agenzia di Traduzioni Agostini Associati Srl
Via G.C. Procaccini, 38 - Milano | P.IVA 11968270154